Non dimenticate il bonus!

Non dimenticate il bonus!

I processi di produzione variano enormemente tra le parti e i diversi tipi di lingotti d’oro: dove i lingotti d’investimento più grandi richiedono metodi semplici – liquefazione, colata e poi vendita – i lingotti e le parti più piccole richiedono un ulteriore lavoro di lucidatura, pulizia o finitura. La conseguenza immediata è che i pezzi e i piccoli lingotti richiedono più tempo e sono quindi più costosi da produrre. Questo costo aggiuntivo, aggiunto a diversi altri criteri quali la domanda e l’offerta, lo stato di conservazione, la posizione geografica o la rarità di un prodotto, è incluso nella nozione di premio, che corrisponde alla differenza tra il prezzo dell’oro che costituisce una moneta o un lingotto e il prezzo negoziato di quest’ultimo. Questo è un criterio che entra nel processo di determinazione del prezzo, proprio come il prezzo del metallo prezioso e il peso.

In concreto, il premio è espresso in percentuale. Può essere positivo ma anche negativo. Al momento dell’acquisto, è preferibile scegliere un lingotto o una moneta con il premio più basso possibile, per pagare solo il prezzo dell’oro. Quindi, più alto è il premio, più vantaggiosa sarà la rivendita di una moneta. Se ben controllato, il premio può quindi permettere ai venditori, siano essi collezionisti o investitori, di fare buoni affari. Infatti, dove la vendita di un lingotto d’oro di grandi dimensioni sarà determinata solo dal prezzo di mercato dell’oro e dal rapporto tra domanda e offerta, una moneta con un premio elevato troverà più facilmente un acquirente e realizzerà un profitto reale. Per mantenere alta la percentuale, è importante che la moneta non sia consumata o danneggiata. Tuttavia, attenzione, in alcuni paesi, come la Francia, premi troppo elevati possono portare ad un aumento dell’IVA al momento della rivendita.

FGE/ATC