Quando la geopolitica influenza il prezzo dell’oro

Quando la geopolitica influenza il prezzo dell’oro

Nel marzo 2018 il prezzo dell’oro ha raggiunto uno dei livelli più alti dell’anno. Questo aumento è dovuto in particolare all’annuncio da parte del presidente americano di una nuova guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Ecco come va il mondo. Le varie vicende geopolitiche che hanno punteggiato la storia hanno avuto, nella loro totalità, una notevole influenza sul prezzo del metallo prezioso. Come quando il prezzo di un’oncia d’oro raggiunse gli 850 dollari nel 1980. All’epoca i rapporti tra Iran e Stati Uniti erano più che tesi, poiché l’Unione Sovietica aveva deciso di invadere l’Afghanistan. Più recentemente, sono state le rivolte del 2011 nei Paesi arabi e la crisi greca a portare un’oncia d’oro ad un prezzo record di quasi 2.000 dollari.

Si potrebbe pensare che il prezzo dell’oro segua irrevocabilmente i capricci della geopolitica mondiale e approfitti delle situazioni di crisi nei diversi Paesi. Il metallo prezioso è un rifugio sicuro. È quindi abbastanza logico che in caso di crisi geopolitica, che inevitabilmente segue una crisi finanziaria ed economica, gli acquirenti si rivolgano all’oro. Un modo per superare la volatilità. Ma in realtà, gli eventi politici globali di solito portano a brevi movimenti. Dopotutto, sono le politiche fiscali e commerciali dei singoli paesi che alla fine incidono sul prezzo del metallo giallo. Soprattutto quella degli Stati Uniti. Le minacce di tassi di interesse più elevati e di un dollaro più forte, insieme alla geopolitica, esercitano una pressione sul prezzo del metallo giallo.

FGE/ATC