Come il Sudafrica ha perso la sua posizione di più grande produttore d’oro

Scopri le notizie e gli aneddoti sul mercato dell'oro

Per decenni, l’idea stessa di una miniera d’oro era sinonimo di Sudafrica. La sua produzione in effetti era dominante rispetto al resto delle estrazioni mondiali. Tuttavia, fra il 2007 e il 2014 il Paese è passato dall’essere il produttore più importante del mondo al sesto posto. Cosa ancora più significativa, il Ghana ha occupato il primo posto fra i produttori africani. Come si spiega una tale caduta? Decisioni politiche? Un contesto economico sfavorevole? Una diminuzione del potenziale?

Un declino lungo 50 anni

Guardando le statistiche della produzione del Sudafrica, c’è stato un calo significativo nell’estrazione mineraria, anche se la domanda globale continua ad aumentare. Nel 1970 il Sudafrica ha prodotto 1000 tonnellate d’oro, mentre nel 2018 il Paese è riuscito a produrre solo 130 tonnellate. Nel periodo che va dal 2005 al 2019, il calo è stato del 54%. Nel 2019 il Ghana ha superato il Sudafrica con più di 142 tonnellate. 

Solo nel periodo fra il 2018 e il 2019, ci stiamo avvicinando a un calo di quasi il 20%! 

Un ambiente industriale complicato

Come si può spiegare una situazione del genere, quando gli esperti credono che il sottosuolo del Paese non abbia ancora esaurito la sua scorta di oro?

La realtà è crudele per l’ex leader mondiale. L’ambiente socio-economico non è adatto alla produzione oro.

La combinazione della chiusura e dei conflitti industriali ha creato una situazione che rende impossibile sfruttare questa risorsa.

A ciò si aggiunge che le risorse sono localizzate a profondità a cui è difficile lavorare, e i costi operativi sono tanto proibitivi che la produzione d’oro è più costosa del suo prezzo di vendita.

Tuttavia, non tutto è perso per il Sudafrica, perché il suo sottosuolo è ricco anche di altre risorse minerarie, come rame, manganese, platino e, ovviamente, diamanti.