Tassazione: quale tassazione sull’oro?

Tassazione: quale tassazione sull’oro?

La tassazione dell’oro, nei nostri vicini francesi, è particolarmente dura, con un’imposta sulle plusvalenze che raggiunge più di un terzo del profitto. E gli acquirenti di metalli preziosi dall’altra parte del confine a volte hanno difficoltà a navigare tra le tasse sull’oro da investimento, l’oro da collezione, i guadagni in conto capitale e l’imposta dell’11,5% sui metalli preziosi. Come in Francia, molti Paesi applicano un’imposta diretta sulle transazioni: Italia, Regno Unito, Canada e Stati Uniti. Ma alcuni paesi hanno sistemi fiscali molto meno complessi, come la Germania, il Belgio e la Svizzera. Questi sistemi sono anche più interessanti perché non è prevista alcuna tassa sull’acquisto o la rivendita di monete e lingotti.

Questa regola si applica indipendentemente dall’utile da alienazione realizzato, ma si applica solo ai residenti in Svizzera. E attenzione, perché possedere oro non significa che sia esente da imposte: l’oro da investimento viene preso in considerazione nel calcolo dell’imposta patrimoniale. A seconda del comune, può quindi essere tassato indirettamente. Quando investono in oro, i residenti svizzeri devono dichiarare alle autorità fiscali le loro monete e lingotti d’oro. Tuttavia, questo sistema fiscale svizzero piuttosto leggero ha portato alla creazione di numerosi sportelli di vendita in tutto il Paese. Questa è una manna per gli abitanti del luogo ma anche per gli stranieri che non esitano ad attraversare il confine per investire. Per quest’ultimo, le banche offrono di conservare a casa i lingotti d’oro a pagamento.

FGE/ATC