Verso la fine dell’IVA sull’oro in Russia?

Verso la fine dell’IVA sull’oro in Russia?

La Russia abolirà alla fine l’imposta sul valore aggiunto (IVA) sull’oro?

In Svizzera e nell’Unione Europea, l’oro da investimento è nella maggior parte dei casi esente da IVA, mentre l’argento è soggetto a questa imposta. Da un anno il Ministero delle Finanze russo discute la possibile abolizione di questa imposta diretta con l’obiettivo dichiarato di reintegrare i rubli. La Russia spera di emulare l’esempio del vicino Kazakistan, che ha abolito la tassa sull’oro e ha notato un forte aumento della domanda di metalli preziosi. Tuttavia, questa riforma fa fatica ad essere attuata, poiché l’amministrazione di Mosca è determinata a mantenere la tassa sui gioielli d’oro. “Se annulliamo l’IVA, dobbiamo annullarla completamente”, spiega Alexey Moiseev, vice ministro delle Finanze, che vorrebbe trovare una soluzione più equa che gli permetta di “rimpatriare i capitali” senza che i russi debbano investirli nel sistema bancario tradizionale ma in lingotti d’oro.
Un anno dopo aver iniziato a riflettere sull’argomento, il Ministero delle Finanze russo spera ora di vedere il suo provvedimento completato al più presto. Giovedì 6 settembre, in un forum dedicato alla finanza a Mosca, Alexey Moiseev ha detto di aver ricevuto telefonate dalle banche “dicendo che i clienti sono pronti a pagare grandi somme, miliardi di rubli, per comprare oro”. L’avvio del processo di abolizione dell’IVA sarebbe quindi, ha detto, “giustificato”. Oggi il viceministro delle Finanze russo assicura che l’IVA è “un ostacolo”: attualmente la tassa sull’oro in Russia è del 18%. A seguito dell’adozione di una legge, l’anno prossimo dovrebbe addirittura salire al 20%. Alexey Moiseev spera che presto si prenda una “decisione definitiva”, anche se ammette che, per i leader russi, “l’oro non è una necessità, non è pane”. Ci sono cose di cui la gente ha bisogno prima di tutto”.

FGE/ATC