Oro e dollaro: la fine dell’effetto forbice?

Oro e dollaro: la fine dell’effetto forbice?

È quasi una costante indiscutibile e una premessa incrollabile: quando il dollaro scende, il prezzo dell’oro sale. E viceversa. Tuttavia, non è stato molto tempo fa, mezzo secolo fa, che gli Stati Uniti hanno messo fine alla convertibilità del dollaro in oro. Non importa, oggi il dollaro è la valuta in cui è denominato l’oro. Uno dei motivi è che l’oro è un porto sicuro: in tempi di incertezza economica, la valuta statunitense scende mentre l’oro, che non paga interessi, sale. Un’abitudine più che una regola.

Solo che i tempi cambiano e gli ultimi anni sono un’eccezione a questa abitudine. Sebbene le valute europee tendano a crescere rispetto al dollaro statunitense, il dollaro rimane forte. Ciò non ha impedito all’oro di avere un prezzo elevato dopo l’annuncio di Brexit. Infatti, in tempi di estremo stress finanziario, il dollaro e un’oncia di metallo prezioso si muovono di solito in concerto. L’abbiamo visto nel 2008. Nel bel mezzo della crisi finanziaria, quando il biglietto verde perdeva valore, l’oro veniva venduto a prezzi piuttosto bassi. Dieci anni dopo, altri fattori sembrano aver messo fine a questa correlazione negativa: una domanda sostenuta di oro dai paesi in via di sviluppo, l’esaurimento delle scorte e la creazione di volatilità sui mercati finanziari da parte delle banche centrali. In breve, il prezzo dell’oro risponde ora alla legge della domanda e dell’offerta. E questo sembra più un ritorno alla normalità che un’eccezione.

FGE/ATC