La Corsa all’Oro del Klondike

La Corsa all’Oro del Klondike

Per tre anni, fra il 1896 e il 1899, circa 100,000 persone sono corse in Alaska. Il motivo? Come spesso è accaduto nella storia dell’umanità, sono stati mossi dalla speranza di fare fortuna e avere una vita migliore, con l’oro alla fine del percorso.

Se in questa regione l’oro era stato scoperto già dall’inizio del 1880, è stato l’arrivo di decine di tonnellate di oro nei porti dell’America occidentale a provocare la follia che ha pervaso i cercatori alla fine del XIX secolo.

Una scoperta nel 1896

Nel 1896, George Carmack, accompagnato da sua moglie Kate, suo fratello Shokum Jim e il nipote Dawson Charlie, ha scoperto l’oro in una delle confluenze del fiume Klondike.

In quel momento, gli altri insediamenti dello Yukon divennero consapevoli della cosa e iniziarono a cercare l’oro lungo il fiume.

Quando le prime spedizioni di oro arrivarono sulla cosa occidentale degli Stati Uniti, le quantità erano così astronomiche che i cercatori di oro corsero sul posto. Una spedizione d’oro del valore di 1,139,000$ (equivalente a più di un miliardo di dollari al giorno d’oggi) aveva riacceso gli spiriti.

Una corsa di 100,000 cercatori in Alaska

Le prime partenze avvennero nel 1897. Anche se si stima che siano stati 100,000 i cercatori andati a cercare fortuna, solo il 30-40% di loro completò il viaggio, fatto spiegato con la difficoltà di accedere ai campi d’oro.

Come la prima corsa all’oro in California, ci sono stati molti coscritti ma ben pochi funzionari eletti. Come spesso accade, sono stati i mercanti a guadagnare di più da questa faccenda. L’Alaska era una terra inospitale e molti hanno sofferto per le condizioni difficili. Tuttavia, nel giro di pochi mesi sono nate diverse città per ospitare la nuova popolazione.

La Corsa all’Oro del Klondike è stata conclusa dalla scoperta di nuovi campi d’oro in Canada e in altri luoghi dell’Alaska. In meno di tre anni, la febbre dell’oro in questa zona era scomparsa.